Metodiche di procreazione assistita

Il Centro Genesy e la procreazione assistita

Il nostro centro sviluppa tutte le metodiche di procreazione medicalmente assistita.

Procreazione medicalmente assistita

  • Induzione dell’ovulazione + rapporti sessuali mirati
  • Inseminazione intrauterina con sperma del partner (inseminazione omologa)
  • FIVET (fecondazione in vitro e trasferimento di embrioni)
  • FIVET + ICSI (microiniezione)

Metodiche a disposizione

Requisiti di ammissione

AIH

  • Esame ISG con reperto di normalità
  • Esame obiettivo del partner maschile
  • Esame seminologico recente con minimo 2,5 milioni di spermatozoi per ml (condizione basale) o un milione per ml dopo capacitazione e con motilità del 20%.
  • Sterilità inspiegata

FIVET

  • Danno tubarico irreversibile
  • Endometriosi severa
  • Sterilità inspiegata

FIVET con microiniezione ICSI

  • Severa dispermia

Quali sono le reali possibilità di successo?

Poiché circa quattro coppie su cinque che si sottopongono ad un singolo ciclo di fecondazione assistita non riescono ad avere un bambino è facile parlare di fallimento. Ma la verità è che, complessivamente, i tassi di successo della fecondazione assistita sono buoni come quelli della fecondazione naturale. Poichè la possibilità di successo sono, secondo le statistiche, le stesse per ogni ciclo di trattamento, il numero di coppie che si sottopongono a un trattamento di fecondazione assistita diminuisce notevolmente dopo diversi tentativi. La Fecondazione è meno probabile che si ottenga in donne si età superiore ai 40 anni e in uomini con alterazioni dello sperma. Per altre coppie, se persistono nel trattameto, la possibilità di un nato vivo è pari a quella delle coppie fertili. Gli ultimi passi nel trattamento della steriltà maschile attraverso le tecniche di fecondazione microassistita, consentono ad uomini con patologie dello sperma di avere molte più possibilità di diventare padri di bambini propri. Le percentuali del nostro centro di ottenere una gravidanza evolutiva variano dal 30 al 38%, come nelle medie europee.