Medicina della riproduzione

L’unità di Medicina della Riproduzione si occupa della diagnostica e della terapia della sterilità di coppia.

La sterilità è l’incapacità biologica da parte di un uomo o di una donna di contribuire al concepimento. Per infertilità invece si intende l’incapacità di portare a termine una gravidanza in una donna in grado di concepire.

La sterilità colpisce circa 6,1 milioni di persone negli Stati Uniti, ossia il 10% della popolazione in età fertile. La sterilità femminile conta per un terzo dei casi, quella maschile per un altro terzo, la sterilità di coppia (sterilità combinata) per il 15% e il resto rimane “inspiegato”. In alcuni casi, entrambi i partner possono essere sterili o subfertili, e la sterilità della coppia deriva dalla combinazione di queste condizioni. In altri casi può accadere che i partner siano indipendentemente fertili, ma la coppia non riesca a concepire insieme senza assistenza medica.

La coppia che si sottopone ad una tecnica di riproduzione assistita sarà affidata ad un medico di riferimento della struttura (che seguirà i pazienti nel corso delle varie tappe della tecnica), fissando con lui giorni ed orari delle consultazioni, avendo, se necessario, anche contatti telefonici per eventuali problemi o chiarimenti. Per questo sarà in possesso anche dei numeri telefonici privati del medico stesso, per eventuali consultazioni telefoniche al di fuori dell’orario di apertura della struttura.

Il Centro risponde alla difficoltà di concepimento che riguardano un numero crescente di coppie ed ha come finalità principale la diagnosi e la terapia dell’infertilità, offrendo un servizio dedicato ad entrambi i partner.

La Procreazione Medicalmente Assistita utilizza tecniche di 1° livello, in cui l’inseminazione avviene nel corpo della donna, e tecniche di 2° livello, in cui la fecondazione avviene “in vitro”. La scelta dei diversi metodi viene effettuata sulla base del tipo di infertilità della coppia.